Approfondimenti

In quattromila a Torino per la lotta No TAV

Ieri in circa quattromila a Torino per chiedere la liberazione di Nicoletta Dosio e delle compagne e dei compagni condannati. La repressione non fermerà la lotta NoTAV che è la lotta dei popoli contro lo sfruttamento, contro la devastazione dell’ambiente, contro la corruzione e la speculazione. Ora e sempre NoTav, ora e sempre resistenza! ______________________________ In tanti alla manifestazione notav. Acerbo …

In quattromila a Torino per la lotta No TAV Leggi altro »

A Torino per Nicoletta e la lotta No TAV

Domani, sabato 11 gennaio, a Torino, saremo presenti alla manifestazione di protesta contro le politiche di criminalizzazione del movimento NoTAV in Valsusa. L’arresto di Nicoletta Dosio, storica attivista NoTAV, è talmente ingiusto e insensato da aver sollevato una marea di critiche, di riprovazione. Rifondazione Comunista dopo aver promosso o partecipato a decine di presidi di protesta in tutta Italia domani …

A Torino per Nicoletta e la lotta No TAV Leggi altro »

Dalla parte di Nicoletta, ora e sempre

Ingiustificabile la decisione di revocare la sospensione dell’ordine di carcerazione a Nicoletta. La Procura Generale di Torino ancora una volta dà dimostrazione dell’ossessione repressiva contro il movimento No Tav.Nicoletta a 73 anni è stata condannata lo scorso novembre insieme ad altri 12 compagni per una manifestazione di protesta pacifica davanti a un casello autostradale del …

Dalla parte di Nicoletta, ora e sempre Leggi altro »

Disparità sociali e alimentari: riflessioni sul cibo di fine anno

Ogni anno il cibo torna ad essere sulla bocca di tutti, in tutti i sensi. Dalle cene natalizie delle persone senza fissa dimora alle cene ricchissime dei ristoranti da 600 € a persona. Ma evidentemente il cibo non è lo stesso, qualcuno a Natale dovrà accontentarsi di mangiare del brodo poco saporito, qualcun altro invece …

Disparità sociali e alimentari: riflessioni sul cibo di fine anno Leggi altro »

Le dimissioni del ministro Fioramonti

Apprendiamo in queste ore delle dimissioni del ministro dell’istruzione Lorenzo Fioramonti. Riconosciamo all’ex ministro di aver rimesso al centro del dibattito politico la necessità di rifinanziare il mondo dei saperi e la coerenza di dimettersi in seguito all’assenza di questi finanziamenti nell’ultima finanziaria, un gesto non da poco conto ma che per essere rilevante deve essere …

Le dimissioni del ministro Fioramonti Leggi altro »

Piazza Fontana: 50 anni dopo

“Ho visto gladiatori sorridere in diretta i pestaggi dei nazisti e della nuova destra Ho visto bombe di stato scoppiare nelle piazze E anarchici distratti cadere giù dalle finestre” Quarant’anni – Modena City Ramblers 12 dicembre 1969, Piazza Fontana, Milano. Così iniziava l’epoca della strategia della tensione, disegno bene orchestrato con cui i settori più …

Piazza Fontana: 50 anni dopo Leggi altro »

Gran Bretagna: le elezioni generali e una Brexit incerta

Il 12 Dicembre 2019 si terranno le general elections nel Regno Unito. Questa volta, come dicevano I Monty Phyton in un celebre film, è “qualcosa di diverso” rispetto alle ultime general elections: la Brexit non è ancora conclusa, la situazione è abbastanza instabile e difficile da prevedere. Riassumendo, le coalizioni principali sono tre: Brexit Party …

Gran Bretagna: le elezioni generali e una Brexit incerta Leggi altro »

Medio Oriente: una leadership contesa

Non un decennio senza ostilità dal termine del secondo conflitto mondiale e neanche il prossimo sembra essere quello buono. E’ il triste record del Medio Oriente che non riesce a imboccare la strada giusta per fermare le crisi in Siria e Yemen, mentre altre si fanno strada nella regione.  Un tempo l’ordine regionale era garantito …

Medio Oriente: una leadership contesa Leggi altro »

Liberare la Sardegna, liberare l’Italia

Aderiamo alla campagna internazionale lanciata dal World Federation of Democratic Youth contro il militarismo e contro l’imperialismo della NATO lanciando un messaggio forte e chiaro dalla manifestazione che si è tenuta lo scorso sabato in Sardegna contro la base militare di Capo Frasca. La Sardegna è una delle regioni che più soffre la presenza di basi militari, circa una …

Liberare la Sardegna, liberare l’Italia Leggi altro »

Domenico Spera, primo bracciante caduto nel secondo dopoguerra

Dal momento dell’ascesa al potere di Benito Mussolini fino alla fine della Seconda guerra mondiale, il conte di Torlonia, con prepotenza e spregiudicatezza, riuscì ad ottenere il monopolio della produzione bieticola del Fucino. Nel 1929 i soprusi di Torlonia, con la complicità della dittatura fascita, si accentuarono in maniera piuttosto evidente. In quell’anno infatti venne …

Domenico Spera, primo bracciante caduto nel secondo dopoguerra Leggi altro »

La causa curda e noi

Era la notte del 26 dicembre 1997 quando l’Ararat sbarcò sulle coste ioniche della Calabria. La grande nave battente bandiera turca e carica di profughi curdi, era stata costruita più di un secolo prima in Scozia e finita dopo varie peripezie nelle mani della marina dell’Impero ottomano. Ottocentoventicinque persone, prevalentemente curde, provenienti da Turchia, Libano, …

La causa curda e noi Leggi altro »

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookies policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies, consulta la cookies policy. Cliccando sul pulsante "Accetto" acconsenti all’uso dei cookies.