Come il petrolio alimenta il terrorismo Jiadista

Come il petrolio alimenta il terrorismo Jiadista

Iraq-Jihadist-14 Ottobre, 2015 12:50

 Le operazioni petrolifere dei jiadisti forzano persino i loro nemici a commerciare con loro.

 Alla periferia di Al-Omar, giacimento in Siria orientale, con gli aerei da guerra che sorvolano, una fila di camion si estende per 6 km. Alcuni conducenti aspettano anche un mese per fare il pieno di greggio.

Bancarelle di falafel e negozi di tè sono sorti per soddisfare i piloti, tale è la domanda di petrolio. I commercianti a volte lasciano i loro camion incustoditi per settimane, in attesa del loro turno.

Questa è la terra dell’ ISIS, l’organizzazione jihadista che ha il controllo di aree del territorio siriano e iracheno. Il commercio di petrolio è stato dichiarato obiettivo primario della coalizione militare internazionale per combattere il gruppo. Eppure il traffico va avanti, indisturbato.

Il petrolio è l’oro nero che finanzia lo Stato con la  ’bandiera nera” – alimenta la sua macchina da guerra, fornisce elettricità e dà ai jiadisti fanatici una leva di appoggio cruciale contro i loro vicini.

Ma più di un anno dopo che il presidente Barack Obama ha lanciato una coalizione internazionale per la lotta contro l’ISIS, il vivace commercio in al-Omar e in almeno otto altri campi è diventato il simbolo della dilemma con il quale la campagna si confronta: come far cadere il “Califfato” senza destabilizzare la vita dei dieci milioni di civili stimati nelle zone sotto il controllo di ISIS?

La resilienza dell’ISIS, e la debolezza della campagna condotta dagli Stati Uniti, hanno dato alla Russia un pretesto per lanciare il proprio, audace intervento in Siria.

Nonostante tutti questi sforzi, decine di interviste con i commercianti siriani e ingegneri petroliferi, nonché con funzionari di intelligence occidentali e con gli esperti del petrolio, rivelano un business tentacolare quasi simile ad una compagnia petrolifera statale che è cresciuta in dimensioni e competenze nonostante i tentativi internazionali di distruggerla.

Minuziosamente gestita, la compagnia petrolifera chiamata ISIS recluta attivamente  i lavoratori qualificati, dagli ingegneri ai formatori ai manager.

Le stime dei commercianti e gli ingegneri locali valutano la produzione di greggio nel territorio di ISIS tenuto a circa 34,000-40,000 barili al giorno. L’olio viene venduto alla sommità del pozzo tra $ 20 e $ 45 al barile, così da garantire un ricavo per i combattenti di 1 milione e mezzo di dollari al giorno.

“E ‘una situazione che fa ridere e piangere,” ha detto un comandante ribelle siriano ad Aleppo, che acquista il diesel da aree ISIS anche se le sue forze combattono il gruppo in prima linea. “Ma non abbiamo altra scelta, e noi siamo la rivoluzione di gente povera. C’è qualcun altro che si offre di darci carburante? “

Il petrolio come arma strategica

La strategia petrolifera dell’ISIS è stata a lungo in divenire. Dal momento che il gruppo è emerso sulla scena in Siria nel 2013, molto prima che raggiungessero Mosul in Iraq, i jihadisti hanno visto il petrolio come una stampella per la loro visione di uno stato islamico. Il Consiglio della Shura del gruppo ha identificato la risorsa energetica come fondamentale per la sopravvivenza della rivolta e, soprattutto, per finanziare la loro ambizione di creare un califfato.

Quando si è spinto attraverso l’Iraq settentrionale e ha conquistato Mosul, l’ISIS ha anche sequestrato i campi Ajil e Allas nel nord-est della provincia di Kirkuk, in Iraq. Il giorno stesso della sua acquisizione, dicono gli abitanti del posto, i combattenti hanno requisito i campi petrliferi e gli ingegneri sono stati inviati per iniziare la produzione e spedire il greggio al mercato.

“Erano pronti, avevano gente lì incaricata del lato finanziario, avevano i tecnici che governavano il processo di riempimento e di stoccaggio”, ha detto uno sceicco locale dalla città di Hawija, nei pressi di Kirkuk. “Hanno portato centinaia di camion in da Kirkuk e Mosul e hanno cominciato a estrarre l’olio e ad esportarlo.” Una media di 150 camion, ha aggiunto, sono stati riempiti tutti i giorni, con ciascuno dei quali si ricavano circa $ 10.000 dollari di petrolio. ISIS ha perso i campi ripresi dall’esercito iracheno in aprile, ma ha fatto un guadagno stimato di $ 450 milioni nei 10 mesi che ha controllato la zona.

Mentre al-Qaeda, la rete terroristica globale, dipendeva da donazioni di sponsor stranieri facoltosi, ISIS ha tratto la sua forza finanziaria dal suo status di produttore monopolistico di un bene essenziale consumato in grandi quantità in tutta l’area che controlla. Anche senza essere in grado di esportare, può crescere perché ha un enorme mercato obbligato in Siria e in Iraq.

Infatti, gasolio e benzina prodotti nelle aree Isis non solo sono consumati in territorio, ma in aree che sono tecnicamente in guerra con essa, come quella in mano ai ribelli del nord della Siria: la regione dipende da un combustibile jihadista per la sua sopravvivenza. Ospedali, negozi, trattori e tutti i macchinari utilizzati funzionano su generatori che sono alimentati dal petrolio di ISIS.
“In qualsiasi momento, il diesel può essere tagliato. Se l’ISIS lo fa la nostra vita è completamente paralizzata”, dice un commerciante di petrolio che viene dai ribelli Aleppo ogni settimana per acquistare carburante e ha parlato al Financial Times per telefono.

Una compagnia petrolifera nazionale

La strategia che ISIS ha predisposto proietta l’immagine di uno Stato in fieri, e tenta di stabilire la sua industria petrolifera imitando le modalità delle società petrolifere nazionali. Ingegneri siriani ci dicono che ISIS ha cercato di reclutarli, offrendo salari competitivi a quelli con l’esperienza richiesta, e che incoraggia l’assunzione di dipendenti futuri dando una precisa direttiva al suo dipartimento delle risorse umane.
Un comitato dei suoi specialisti controlla sul campo, il monitoraggio della produzione e interviste i lavoratori sulle operazioni. Nomina anche membri ISIS che hanno lavorato presso le compagnie petrolifere in Arabia Saudita o in altre parti del Medio Oriente come “emiri”, o principi, per gestire le sue strutture più importanti, dicono i commercianti che acquistano il petrolio dai terroristi e gli ingegneri che hanno lavorato nei campi da loro controllati.  Alcuni tecnici sono stati attivamente corteggiati dai reclutatori ISIS. Rami – non è il suo vero nome – lavorava nel petrolio in provincia di Deir Ezzor della Siria prima di diventare un comandante ribelle. In seguito è stato contattato da un emiro militare di ISIS in Iraq via WhatsApp.

“Avrei potuto scegliere qualsiasi posizione che volevo, mi ha promesso,” ha detto. “Ha detto:. Potete fissare il vostro stipendio’” Scettico del progetto ISIS, Rami infine rifiutò l’offerta ed è fuggito in Turchia.

ISIS recluta anche tra i suoi sostenitori all’estero. Nel discorso che ha pronunciato dopo la caduta di Mosul, il leader ISIS Abu Bakr al-Baghdadi ha chiamato nelle sue fila  non solo i combattenti, ma ingegneri, medici e altri lavoratori qualificati. Il gruppo ha recentemente nominato un ingegnere egiziano che viveva in Svezia quale nuovo manager della sua raffineria Qayyara nel nord dell’Iraq, secondo un ingegnere petrolifero iracheno di Mosul, che ha chiesto di restare anonimo.

Il ruolo centrale del petrolio si riflette anche nello status che ad esso è dato nelle strutture di potere ISIS.

L’approccio del gruppo al governo nei territori da esso controllato è altamente decentralizzato. Per la maggior parte, si basa su walis regionali – i governatori – per amministrare i territori secondo i precetti stabiliti dalla shura centrale.

Tuttavia, il petrolio – insieme alle operazioni militari e di sicurezza dell’ISIS e alla sua produzione multimediale sofisticata – è controllato centralmente dai leader principali. “Sono organizzati nel loro approccio al petrolio”, ha detto un alto funzionario dell’intelligence occidentale. “La definiscono una questione di competenza della shura centrale”.

Fino a poco tempo, l’emiro dell’ISIS per il petrolio era Abu Sayyaf, un tunisino il cui vero nome, secondo il Pentagono, era Fathi Ben Awn Ben Jildi Murad al-Tunisi, e che è stato ucciso dalle forze speciali in un raid nel maggio di quest’anno. Secondo i funzionari dei servizi statunitensi e europei, un tesoro di documentazione relativa alle operazioni petrolifere ISIS è stato trovato con lui. I documenti mettono a nudo una operazione meticolosamente eseguita, con ricavi da pozzi e costi accuratamente contabilizzati. Hanno mostrato un approccio pragmatico alla definizione dei prezzi, che sfrutta accuratamente le differenze di domanda attraverso i suoi territori per massimizzare la redditività.

La sorveglianza dei pozzi di petrolio è attentamente controllato dalla Amniyat, la polizia segreta dell’ISIS, che garantisce che i ricavi vanno dove dovrebbero – e infligge punizioni brutali quando non succede. Le guardie pattugliano il perimetro delle stazioni di pompaggio, mentre i singoli pozzi sono circondati da terrapieni di sabbia di protezione e ogni operatore viene accuratamente controllato.
Al campo di al-Jibssa in provincia di Hassakeh, nord-est della Siria, che produce 2.500-3.000 barili al giorno, “circa 30-40 grossi camion al giorno, ciascuna con 75 barili di capacità, sarebbe pieno”, secondo Hassakeh, commerciante di petrolio .

La rete di distribuzione dell’ISIS

Ma il centro più attraente è al-Omar. Secondo un commerciante che acquista regolarmente olio di lì, il sistema, con la sua coda di 6 km, è lento ma gli operatori di mercato si sono adattati ad esso. I driver presentano un documento con il loro numero e la nave cisterna della capacità di targa a funzionari dell’ISIS, che li inseriscono in un database per assegnare loro un numero.

La maggior parte poi torna ai loro villaggi, facendo la spola avanti al sito ogni due o tre giorni di tempo. I commercianti dicono che verso la fine del mese, alcune persone tornano e alzano le tende per stare vicino ai loro camion mentre aspettano il loro turno.
Una volta in possesso del petrolio di al-Omar, i commercianti o lo portano a raffinerie locali o lo vendono su a un mark-up a intermediari con veicoli più piccoli che lo trasportano nelle città più a ovest, come Aleppo e Idlib.

La fortuna di ISIS con il petrolio non può durare. Bombe della coalizione, l’intervento russo e bassi prezzi del petrolio potrebbero mettere pressione sui ricavi. La più grande minaccia per la produzione di ISIS finora, però, è stato l’esaurimento per invecchiamento dei giacimenti petroliferi della Siria. Non ha la tecnologia delle grandi aziende straniere per contrastare quello che i residenti descrivono come una goccia lenta in produzione. Se l’ISIS soffre la necessità per il carburante delle sue operazioni militari significa che c’è anche meno petrolio da vendere al mercato.
Per ora, però, nel territorio controllato dall’ISIS, i jihadisti controllano l’alimentazione e non c’è carenza di domanda. “Tutti qui ha bisogno di gasolio: per l’acqua, per l’agricoltura, per gli ospedali, per gli uffici. Se il diesel è tagliato fuori, non c’è vita qui », dice un uomo d’affari che lavora nei pressi di Aleppo. “Isis sa che il petrolio è una carta vincente.”.

ERICA SOLOMON
SAM JONES

traduzione di Alfonso Navarra della Campagna di Obiezione di Coscienza alle Spese Militari per la Difesa Popolare Nonviolenta dal Financial Times fonte non certo sospetta di antimperialismo

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*