povertà

Potrebbe andare peggio…

Il rap­porto Cen­sis sulla situa­zione eco­no­mica del Paese 2014, pur nel suo lin­guag­gio palu­dato come si con­viene a un isti­tuto di ricerca, con­se­gna una foto­gra­fia dell’Italia ine­dita. La sin­tesi è quella di una popo­la­zione impau­rita e sola, vul­ne­ra­bile e, pur­troppo, cinica. La domanda che pos­siamo (dob­biamo) farci è la seguente: potrebbe andare peggio? La rispo­sta è si. Infatti, disa­gio, incer­tezza …

Potrebbe andare peggio… Leggi altro »

Lavoro autonomo, una nuova specie di proletariato

Quinto Stato. Cgia di Mestre: un lavoratore autonomo su quattro è a rischio povertà. Un rischio quasi doppio rispetto ai dipendenti Un lavo­ra­tore auto­nomo su quat­tro è a rischio povertà. Le fami­glie delle par­tite Iva, dei pic­coli impren­di­tori, arti­giani, com­mer­cianti, liberi pro­fes­sio­ni­sti e soci delle coo­pe­ra­tive cor­rono un rischio povertà quasi dop­pio rispetto a quello delle fami­glie di …

Lavoro autonomo, una nuova specie di proletariato Leggi altro »

I nuovi poveri sono gli autonomi a partita Iva

Senza diritti alla malat­tia o al soste­gno al red­dito, non avranno una pen­sione. Ma i loro con­tri­buti finan­ziano il Wel­fare degli altri lavo­ra­tori. I dati dell’Osservatorio XX mag­gio su para­su­bor­di­nati e pro­fes­sio­ni­sti iscritti alla gestione sepa­rata dell’Inps descri­vono l’esistenza del nuovo pro­le­ta­riato in Italia Il ritratto dei nuovi poveri a par­tita Iva lo ha fatto ieri l’Osservatorio dei lavori dell’associazione …

I nuovi poveri sono gli autonomi a partita Iva Leggi altro »

Studenti, precari, nuovi poveri: così cambia il voto a sinistra

Alle ele­zioni del 25 mag­gio scorso la Sini­stra Euro­pea, pur non riu­scendo ad imporsi come terza fami­glia poli­tica con­ti­nen­tale, è deci­sa­mente avan­zata. Ma chi sono gli elet­tori che hanno votato per la pro­po­sta d’alternativa dei par­titi del Gue/Ngl? Anzit­tutto, si con­ferma una ten­denza già nota: in Europa la sini­stra radi­cale rac­co­glie con­sensi sopra­tutto nel ceto medio …

Studenti, precari, nuovi poveri: così cambia il voto a sinistra Leggi altro »

I NE’ NE’ NE’

di Maria R. Calderoni Poveri piccoli Neet. È, al solito, un bruttissimo acronimo inglese che sta per “Not engaged in Education, in Employment or Training” e che tradotto sta per “Non a scuola, non al lavoro, non a corsi di formazione professionale”. Cioė NéNèNé, un bel Niente. E cioè, chi sono costoro, fannulloni nati, perdigiorno …

I NE’ NE’ NE’ Leggi altro »

L’INVISIBILE POPOLO DEI NUOVI POVERI

di Marco Revelli Torino è stata l’epicentro della cosid­detta “rivolta dei for­coni”, almeno fino a ieri. Torino è anche la mia città. Così sono uscito di casa e sono andato a cer­carla, la rivolta, per­ché come diceva il pro­ta­go­ni­sta di un vec­chio film, degli anni ’70, ambien­tato al tempo della rivo­lu­zione fran­cese, «se ‘un si va, ‘un si vede…». …

L’INVISIBILE POPOLO DEI NUOVI POVERI Leggi altro »

PENSIERI DA VENTENNE: LA LOTTA E IL 19 OTTOBRE

di Rossella Puca 19 Ottobre: sono a Roma, contenta di partecipare ad una grande mobilitazione con così tanti contenuti e persone: amici, conoscenti, compagni. “E tu di dove sei?”  “Ah, e lì come va?” – questi gli interrogativi tra chi fa lo spezzone ed il cordone assieme. Mi sono portata addosso insieme allo zaino della …

PENSIERI DA VENTENNE: LA LOTTA E IL 19 OTTOBRE Leggi altro »

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookies policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies, consulta la cookies policy. Cliccando sul pulsante "Accetto" acconsenti all’uso dei cookies.