Sardegna

[Arbus - 12.10] Manifestazione contro l'occupazione militare della Sardegna

I Giovani Comunisti ed il Partito della Rifondazione Comunista della Sardegna esprimono piena solidarietà verso gli “indagati” per la lotta contro le basi militari in Sardegna.

Le virgolette sono d’obbligo visto che, a quanto pare, gli avvisi di conclusione delle indagini sono arrivate prima ai giornali che agli indagati stessi.

È inaccettabile che gli apparati giudiziari dello Stato siano impiegati in queste operazioni repressive.

Leggiamo di accuse assurde: da reati come l’oltraggio fino all’associazione terroristica.
Noi crediamo che il vero terrorismo sia quello della NATO: un’organizzazione militare che si è resa protagonista di svariate operazioni militari contrarie alla legalità internazionale. Le nostre organizzazioni, ripudiando la guerra come strumento d’offesa, sostiengono la battaglia di A Foras – Contra a s’ocupatzione militare de sa Sardigna e di tutte le soggettività impegnate contro l’occupazione militare in Sardegna.

Invitiamo i nostri militanti, simpatizzanti e i cittadini a partecipare alla manifestazione del 12 Ottobre: quando la repressione colpisce cercando di dividere un movimento, è opportuno esprimere compatezza.

Siamo oltraggiosi pacifisti e terroristi contro la guerra!

[Sardegna - 10.10] Solidarietà agli attivisti di A Foras

Fatti gravissimi accadono in Sardegna, fatti che non possiamo ignorare, fatti che dimostrano la precarietà della nostra libertà e della nostra democrazia, fatti che svelano la repressione attuata dalle forze dell’ordine contro chi si ribella alle ingiustizie.

Arrivano in Sardegna circa 40 denunce contro molti militanti, impegnati sull’isola nella lotta all’occupazione militare da parte dell’Esercito Italiano e dalla NATO, in seguito alle indagini condotte dalla Digos e dalla procura di Cagliari. Le stesse denunce arrivano prima alle redazioni dei giornali locali che agli indagati e ne scaturisce un attacco mediatico per creare il terrore fra la popolazione e le organizzazioni. È doveroso ricordare che la Sardegna ospita innumerevoli poligoni di tiro, depositi di carburante, impianti radio, campi di addestramento per forze armate italiane e straniere che causano gravi danni alla regione, con i suoi abitanti. La terra sottratta a chi la abita, gli innumerevoli danni ambientali causati dalle esercitazioni e dall’utilizzo di sostanze inquinanti nei poligoni e campi, lo spopolamento delle zone limitrofe alle fabbriche della morte sono degli esempi dei gravissimi danni causati da questa occupazione.

“È il segnale di uno Stato impaurito dalla possibilità che il popolo sardo decida finalmente di lottare per riavere indietro la sua terra, occupata abusivamente da decenni dalle Forze Armate italiane” dichiara in una nota pubblica il movimento A Foras, molto attivo sull’isola e che ha visto coinvolti in questa vicenda alcuni dei suoi militanti.

Rifondazione Comunista e i Giovani Comunisti/e saranno presenti al fianco di A Foras nella manifestazione del 12 ottobre, a Capo Frasca, per ribadire che il popolo sardo non sarà mai sottomesso a nessuno. Inoltre esprimiamo solidarietà e vicinanza a tutti coloro che sono stati vittima di questi attacchi, perché il silenzio uccide quanto le armi degli eserciti.

Giovani Comunisti/e Sardegna

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookies policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies, consulta la cookies policy. Cliccando sul pulsante "Accetto" acconsenti all’uso dei cookies.