Giovani ★ Comunisti/e

xenofobia

Il sogno di passare in Francia per andare in Inghilterra

La sensazione, che ho provato mentre parlavo con alcuni di loro e rimastami dentro dopo avere ripreso il treno per tornare in Francia, è stata quella di essere in contatto con il timore. Non soltanto nascosto nelle poche parole pronunciate in francese o in inglese o in italiano o con il gesticolare dopo avermi detto …

Il sogno di passare in Francia per andare in Inghilterra Leggi altro »

Profughi: come Grillo soffia sul fuoco

Dietro le mobilitazioni di queste settimane contro migranti e profughi (borgatari sobillati da Casa Pound in Italia, neonazisti in Germania, per non parlare dei revival xenofobi nei pesi dell’Europa dell’est ecc.) non ci sono solo le immagini degli sbarchi che si rincorrono sugli schermi televisivi, insieme a quelle degli sventurati che scalano le reti di …

Profughi: come Grillo soffia sul fuoco Leggi altro »

Non siamo razzisti, siamo peggio

La sim­bo­lo­gia del pogrom si era già espressa, a Quinto di Tre­viso, col rogo delle sup­pel­et­tili di uno degli alloggi desti­nati ai pro­fu­ghi: raz­ziate, get­tate in strada e date alle fiamme tra la folla plau­dente. Ora il maca­bro festino dell’intolleranza si arric­chi­sce di un det­ta­glio ancor più espli­cito: le minacce al pre­fetto di Roma, Franco …

Non siamo razzisti, siamo peggio Leggi altro »

Tram, antirazzismo e controinformazione

Ore 8.30 del mattino, Roma. Il tram passa in ritardo e le persone si affollano alla fermata. È ora di punta. Arriva; entriamo accalcandoci e maledicendo chi ci fa viaggiare come animali pronti per il macello. La rabbia esplode, contro l’azienda trasporti, contro i politici e poi, ovviamente contro gli immigrati. «Ce ne stanno troppi …

Tram, antirazzismo e controinformazione Leggi altro »

Immigrazione: studi meglio cittadino cinque stelle!

Spesso in parlamento si affrontano temi, compreso quello complesso delle migrazioni, in maniera superficiale. A volte trattasi della ormai stantia ma sempre efficace riproduzione della fabbrica del consenso fondata sulla xenofobia, in altri casi – e forse è peggio – semplicemente si sommano nozioni confuse e contraddittorie per trovare applausi più che soluzioni. Se le …

Immigrazione: studi meglio cittadino cinque stelle! Leggi altro »

Il 25 aprile di Hajar

Come tutti gli anni migliaia di antifascisti e di antifasciste hanno animato le strade e le piazze delle nostre città, come ogni anno abbiamo preso parte alle “resistenze continue” del Pratello R’esiste parlando di diritti, di libertà, di cittadinanze, spesso negate, di un’Italia e di un altro mondo possibile dove discriminazioni e sfruttamento siano ormai …

Il 25 aprile di Hajar Leggi altro »

L’inciviltà europea

Dopo la strage dei gom­moni, par­lare di fata­lità sarebbe osceno. Basta ricor­dare che dall’ottobre scorso si sono mol­ti­pli­cati gli ammo­ni­menti euro­pei a sal­vare meno migranti pos­si­bile, soprat­tutto in aree lon­tane dai limiti dell’“Operazione Tri­ton” (trenta miglia marine). Ha comin­ciato il governo Came­ron, soste­nendo che i sal­va­taggi avreb­bero incen­ti­vato l’immigrazione clan­de­stina. Ha con­ti­nuato a dicem­bre un capo ope­ra­tivo di …

L’inciviltà europea Leggi altro »

Coreografie della disobbedienza americana

Stati uniti. Non si placano le proteste per gli omicidi «razziali» e impuniti della polizia. Scontri a Berkeley e Oakland. A New York happening curati nei minimi dettagli che creano disagi senza ricorrere alla violenza. Il sindaco De Blasio: «Il problema esiste ed è nazionale» Sono con­ti­nuate durante il week end le pro­te­ste esplose in …

Coreografie della disobbedienza americana Leggi altro »

Rosa, che il 1° dicembre rifiutò di alzarsi

Rosa Parks in un autobus di Montgomery, in Alabama, il 21 dicembre 1956, dopo la decisione della corte suprema di dichiarare incostituzionale la segregazione razziale sui mezzi di trasporto pubblico. Bettmann/Corbis 1 dicembre 1955 Rosa Parks si rifiuta di lasciare il posto sull’autobus a un passeggero bianco e viene arrestata. La donna contestava le norme …

Rosa, che il 1° dicembre rifiutò di alzarsi Leggi altro »

La retorica della guerra tra poveri

Razzismo e periferie. Dilaga la caccia, simbolica o reale, ai capri espiatori di sempre: rom e sinti, migranti e rifugiati. Il paradigma Roma Dilaga ormai in Ita­lia la cac­cia, sim­bo­lica o reale, ai capri espia­tori di sem­pre: rom e sinti, migranti e rifu­giati. Pur variando luo­ghi e per­so­naggi, comune è lo schema nar­ra­tivo, aval­lato anche da quo­ti­diani main­stream. A giu­sti­fi­care o smi­nuire …

La retorica della guerra tra poveri Leggi altro »