Lavoro, Non Lavoro e Movimenti

Che fine hanno fatto le indennità di partecipazione dei tirocinanti al programma Garanzia Giovani?

Il progetto Garanzia Giovani si sta dimostrando une vera e propria truffa ai danni dei giovani. L’impianto è quello di istituzionalizzazione della precarietà il cui fine reale è “lavorare” la persona per abbatterne le aspettative e i diritti e renderla merce disponibile per l’impresa. Infatti i dati parlano chiaro. Se di garanzie di lavoro per i giovani ce ne sono ... Continua a leggere »

Con gli operai della Marcegaglia!

Pubblichiamo di seguito il comunicato dei 7 operai Marcegaglia in lotta per la difesa del proprio posto di lavoro contro uno dei padroni più potenti d’Italia. Come Giovani Comunisti/e sosteniamo attivamente la loro lotta.   “Ieri, 31 maggio 2016, la nostra battaglia per il lavoro e la dignità nei confronti del gruppo Marcegaglia si è di nuovo concretizzata in un ... Continua a leggere »

Boicottare il primo maggio.

1 maggio, SIAMO APERTI. Così recitano molti striscioni sui centri commerciali in varie parti del Paese. “Evviva”, dirà il lettore/consumatore. Posso andare a fare spesa anche di domenica, anche durante una festa, quando sono più comodo. In fondo, gran parte del popolo italiano ha interiorizzato da tempo il diktat del mercato “work, buy, consume, die” (in italiano “lavora, acquista, consuma ... Continua a leggere »

Il Primo maggio, festa dei lavoratori, boicotta gli esercizi commerciali aperti!

Anche il Primo Maggio, festa delle lavoratrici e lavoratori, dopo il 25 Aprile, il mondo della distribuzione terrà le serrande sollevate. Gli effetti della cd. deregulation sono sotto gli occhi di tutti. Gli esercizi commerciali sono diventati dei giganteschi contenitori di occupazione precaria. Attraverso il lavoro nei festivi, si impone di fatto una organizzazione del lavoro che vede il lavoratore ... Continua a leggere »

REFERENDUM: 15 MILIONI DI ITALIANI SONO STANCHI DI QUESTA POLITICA!

Oltre il 32% degli elettori di tutta Italia conferma quello che sosteniamo da tempo: il petrolio e gli idrocarburi vanno abbandonati. È necessaria una politica differente.   Questa mattina Renzi e il PD gongolano per il mancato raggiungimento del quorum al referendum contro le trivelle. Francamente non si capisce cosa ci sia da gongolare quando più di 15 milioni di ... Continua a leggere »

Il senso del referendum

l’impatto ambientale Anche ad uno stolto non sfuggirebbe che qualunque tipo di impianto ha un certo impatto sul pianeta. Figuriamoci un impianto la cui funzione è estrarre dal sottosuolo del materiale che ne costituisce la struttura da millenni, e che viene estratto tramite l’immissione di un fluido necessario alla perforazione (aria, acqua o fango, a seconda della tipologia). Immaginare che ... Continua a leggere »

Il referendum del 17 aprile: dalle contraddizioni politiche della fase attuale, alle menzogne sull’occupazione.

La fase attuale ci parla di un contesto dalle forti contraddizioni politiche. Oggi coloro che invitano la popolazione all’astensione o addirittura al voto contrario, sono gli stessi che in questi anni di Governo hanno di fatto tagliato ogni forma di tutela del lavoratore, con la generalizzazione del contratto a termine, per un lavoro povero e senza diritti; sono gli stessi ... Continua a leggere »

Referendum del 17 aprile: un pugno di sabbia negli ingranaggi nel sistema

Care compagne e cari compagni Il 17 Aprile abbiamo un appuntamento importante con il nostro pianeta Terra e con le nostre vite. Il referendum del 17 Aprile  non deve essere visto né come un punto di arrivo né tantomeno come un punto di partenza, bensì  un momento di transizione per continuare a costruire il percorso di un  necessario cambiamento culturale ... Continua a leggere »

#GiovaniComunisti:” #LaGuerraFaSchifo e il CONTO LO PAGHI TU!”

Ci risiamo. Il 2015 è finito da poco ed ha visto l’Italia elargire 4.698,1 milioni di € in spese militari, nonostante la forte crisi ed un paese ancora in recessione. Nel quadro sconvolgente e doloroso della barbarie, la guerra colpisce anche tutti noi, dal lavoratore che vede i propri soldi sperperati dallo Stato, al disoccupato che vede venir meno i ... Continua a leggere »

Giovani Comunisti/e: “Non un diritto in meno: I/Le Giovani Comunisti/e in piazza il 5 marzo a Roma”

Sabato 5 marzo in piazza del Popolo, Non un diritto in meno! Il DDL Cirinnà è diventato legge della Repubblica italiana, ma non è la legge che volevamo, non sono tutti i diritti che ci spettano. Renzi, con la straordinaria partecipazione di Alfano e Salvini e con il fondamentale aiuto del M5S,ha sacrificato sull’altare del governo e delle poltrone, l’uguaglianza ... Continua a leggere »

Referendum 17 aprile: il nostro Sì per fermare le trivellazioni!

L’organizzazione dei Giovani Comunisti-e scende in campo a fianco delle associazioni e dei movimenti di cittadini che da sempre portano avanti la battaglia per impedire che i nostri mari vengano assaltati dalle multinazionali delle fonti fossili, che per la ricerca del profitto privato, compiono un approvvigionamento di idrocarburi a scapito dell’incolumità dei nostri paradisi naturali e della nostra salute. Ad ... Continua a leggere »

Giovani Comunisti/e: “Non un diritto in meno: I/Le Giovani Comunisti/e in piazza il 5 marzo a Roma”

Comunicato di adesione alla manifestazione nazionale indetta per il 5 marzo a Roma promossa dal movimento lgbtqi. Il 5 marzo a Roma si terrà una grande manifestazione promossa dal movimento lgbtqi per ribadire e rivendicare il diritto all’uguaglianza, in questi giorni minato nelle discussioni sul DDL Cirinnà che si stanno tenendo a Palazzo Madama. La proposta sulle unioni civili e la ... Continua a leggere »