Giovani Comunisti/e #NoG7Bergamo Contro la politica di pochi, per una politica del popolo!

Giovani Comunisti/e #NoG7Bergamo Contro la politica di pochi, per una politica del popolo!

In queste settimane come Giovani Comunisti/e abbiamo partecipato alle mobilitazioni da Taormina a Torino per esprimere il nostro dissenso e la nostra opposizione alle politiche portate avanti da chi presiede il G7. Per le stesse motivazioni saremo presenti a Bergamo per denunciare le politiche sbagliate e nocive riguardanti l’ambiente e perciò la vita delle persone. Le politiche economiche liberiste non fanno altro che incrementare il potere economico delle multinazionali e delle grandi imprese anche nel settore agricolo, il rafforzamento di questo lo abbiamo visto con il tentativo di far passare trattati come il TTIP e il CETA, i quali ci hanno già visto partecipi e promotori dei comitati STO-TTIP E STOP-CETA. In queste politiche frutto della globalizzazione si concretizzano tutti gli effetti disastrosi che denunciavamo già a Genova nel 2001 ed oggi ancora ci vedono partecipi nelle mobilitazioni in tutta Italia. Infatti le leggi stesse del governo Renzi, pensiamo allo Sblocca Italia, vanno nella direzione delle politiche delle principali potenze economiche. In vista di questo appuntamento , affinchè si possa avere una mobilitazione ampia e plurale in opposizione alle politiche portate avanti al G7, come già espresso da molte associazioni e movimenti, ci rivolgiamo a tutti ai comitati ambientali, alle forze politiche e sociali, ai movimenti che in questi anni hanno resistito al tentativo di rovina dell’ambiente e dell’agricoltura, ed hanno cercato di contrapporre a questo modello neoliberista una visione diversa di società. I Giovani comunisti/e, come anche Rifondazione Comunista, saranno presenti alle mobilitazioni ed assemblee promosse dalla RETE BERGAMASCA PER L’ALTERNATIVA AL G7 , ed alla manifestazione conclusiva “NO G7 Terra, cibo lavoro e dignità”. In tale prospettiva sarà fondamentale una numerosa partecipazione per rafforzare questa rete sociale, già ampiamente radicata sulle tematiche dell’agricoltura e dell’ambiente, per portare avanti una visione differente di società, perché un altro mondo è possibile e necessario.

#UnAltroMondoÈPossibile

Andrea Ferroni Portavoce Nazionale Giovani Comunisti/e

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*