L’ISEE delle ingiustizie e delle disuguaglianze

L’ISEE delle ingiustizie e delle disuguaglianze

3742332662_1b1624c2e5 “L’istruzione è l’arma più potente che puoi utilizzare per cambiare il mondo.” Nelson Mandela

Il Governo Renzi,in perfetta continuità con i governi degli ultimi anni,continua la sua opera di distruzione dello stato sociale e dei diritti. L’ennesimo atto ,che mira all’ampliamento delle disuguaglianze ,ha come oggetto il nuovo Isee. Questo è un parametro economico e patrimoniale che serve per accedere a diversi servizi sociali ,come per esempio sgravi dalle bollette o concessione delle borse di studio. Improvvisamente con questo nuovo parametro ci siamo svegliati in diversi più ricchi,nonostante le condizioni economiche e patrimoniali siano le stesse degli anni passati,se non addirittura peggiori. Tutto questo è dovuto ad una rivalutazione dei beni patrimoniali del tutto fittizia e non riscontrabile in termini pratici dalle persone,oltre all’inserimento all’interno dell’Isee degli incentivi fiscali dati dallo stato alle persone sotto una certa soglia di ricchezza;della serie lo stato ti da i soldi ma dopo te li toglie . L’impatto di questo nuovo Isee sul diritto allo studio è stato a dir poco pessimo. Prendendo atto che già moltissimi studenti beneficiari non ricevono la borsa di studio,il dato più eclatante è la Calabria dove 2 aventi diritto su 3 non la ricevono;adesso con questi nuovi parametri si è ristretta ulteriormente la cerchia dei beneficiari al minimo storico di soli 107mila studenti e studentesse. La principale conseguenza dei mancati investimenti riguardanti il diritto allo studio,si riscontra dal calo degli iscritti alle università italiane,con un crollo del 20% delle immatricolazioni ,pari a 65 mila studenti e studentesse, in meno di dieci anni. A fronte di questi risultati, l’Italia continua ad essere il paese in cui la spesa sugli interessi sul debito pubblico in rapporto al PIL è al 6-7 %,mentre si investe sull’università solo l’1% . A maggior ragione è inaccettabile che un parametro come il nuovo ISEE ristringa ancora di più gli investimenti predisposti a garantire il diritto allo studio,e in generale lo stato sociale. Una crisi causata dalle enormi disuguaglianze dovrebbe essere contrasta investendo sullo stato sociale,garantendo i diritti. Infatti,ricerca e istruzione pubblica sono due elementi a cui non si può rinunciare e dove è necessario che vengano fatti importanti investimenti da parte dello Stato. I continui tagli alla scuola,all’università e alla ricerca testimoniano la paura e i problemi che questi fattori creano ai poteri forti ,i quali mirano all’ampliamento delle disuguaglianze e al mantenimento di un mondo in cui l’1% della popolazione sia più ricca del 99%. I giovani comunisti e le giovani comuniste hanno sempre lottato per un’istruzione pubblica,democratica e gratuita. Proprio per questo ,chiediamo che scuola e università diventino accessibili per tutti e tutte,perché l’istruzione è un elemento fondamentale affinché ogni persona sia realmente libera.

LORENZO FALISTOCCO, Dip. Università Giovani Comunisti/e

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*