Report dal Kurdistan. Il giorno del Newroz

Report dal Kurdistan. Il giorno del Newroz

10409758_10204607172211991_196619088626954665_nIl 21 marzo è il vero giorno del Newroz, che segna l’inizio della primavera. Avremmo voluto festeggiare questa giornata così importante per il popolo curdo recandoci a Kobanê ed offrendo la nostra solidarietà alla città simbolo della lotta che in questo momento impegna i curdi, purtroppo però le autorità turche hanno deciso di negarci l’uscita dal paese al check point con la Siria. I militari ci hanno minacciati di chiamare i rinforzi e farci arrestare se solo avessimo osato scendere dal pullimino. La cosa, poi, è particolarmente grave perché ci saremmo recati a Kobanê anche per portare i farmaci mandati da Legambiente Campania tramite il sindaco di Rifondazione Comunista della cittadina di Santomenna (Sa), già bloccati per un cavillo burocratico dal governo turco ad Adana.
Questo è il comunicato che il nostro gruppo ha scritto in merito alla  questione, destinato ad istituzioni nazionali ed internazionali, per chiedere l’istituzione di un corridoio umanitario tra Suruç e Kobanê.
“La delegazione italiana della missione di osservatori internazionali per il Newroz in Kurdistan, che aveva con sé un carico di farmaci, oggi (21.03.2015) è stata bloccata al confine turco tra Suruç e Kobanê nonostante avesse richiesto l’autorizzazione alle autorità turche. Suruç ospita 6 campi profughi autogestiti dalla municipalità e 1 gestito dal governo turco per un totale di almeno 15.000 persone. Prima della liberazione di Kobanê il numero dei profughi era circa il doppio: le persone vogliono tornare alle loro case e poterle ricostruire dopo la distruzione della città da parte dell’ISIS.

Abbiamo constato personalmente, arrivando al confine, che ogni varco verso Kobanê è chiuso: non possono passare né gli aiuti umanitari né i materiali per la ricostruzione e il ritorno dei profughi è reso difficile da pratiche burocratiche discrezionali. La stessa municipalità di Suruç chiede da ottobre che venga aperto un corridoio umanitario che garantisca il passaggio di tutti gli aiuti necessari  per la città e il cantone. A Kobanê in questo momento mancano acqua, fognature e impianti elettrici e il territorio della città è stato minato dall’ISIS durante la ritirata: è evidente la necessità immediata dell’apertura di un corridoio umanitario permanente.

SILVIA CONCA
Delegazione Giovani Comuniste/i a Urfa

21 marzo 2015

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*