Come Eleanor Marx ha cambiato il mondo

Come Eleanor Marx ha cambiato il mondo

p01y5tpkEleanor sfidò il mondo per verificare ciò che aveva imparato da Marx e Engels nel focolare domestico. Rachel Holmes è autrice di Eleanor Marx: A Life, una nuova biografia della figlia prediletta di Karl Marx uscita di recente in Gran Bretagna. In italiano è disponibile una biografia di Eleonor Marx pubblicata da Einaudi in due volumi tra il 1977 e il 1980. Quella di Eleonor è una storia davvero interessante e appassionante, esaltante e tragica (Eleanor si suicidò per amore). Da notarsi che la Holmes nello spiegare l’importanza di Eleanor Marx nella storia della Gran Bretagna implicitamente illumina in maniera diversa dalla vulgata dominante del Libro Nero la storia del socialismo e del comunismo ricordandoci che gran parte delle conquiste di libertà e dignità del Novecento sono figlie del movimento delle lavoratrici e dei lavoratori di cui il marxismo è stata la principale corrente. La stessa democrazia non è piovuta dal cielo né è stata elargita dalle classi dirigenti capitalistiche ma è stata una conquista delle classi lavoratrici, delle loro lotte e delle organizzazioni che crearono per portarle avanti. La Holmes ci ricorda da dove vengono le libertà e i diritti di cui abbiamo goduto e che non perdere la memoria serve anche per evitare di perderli. Fa piacere sapere che il nuovo quartier generale di uno dei più grandi sindacati britannici è stato intitolato alla eroica figlia di Karl Marx! (M.A.)

Eleanor Marx ha cambiato il mondo e, nel farlo, ha rivoluzionato se stessa. Internazionalista, socialista, femminista, sindacalista – ho sentito il dovere di scrivere di un grande eroe storico britannico perché lei è così rilevante.

Nata nel 1855 in una soffitta di poveri esuli politici, l’arrivo di Eleanor fu deludente per suo padre filosofo. Voleva un ragazzo. Ma al suo primo compleanno era la sua preferita. Soprannominata Tussy, per rima, dissero i suoi genitori, con pussy non fussy, i gatti che lei adorava, schizzinosa non lo era. Amava Shakespeare, Ibsen, entrambi gli Shelley, la buona poesia, i giochi di parolacce e lo champagne (beh, German Sekt), quella che lei descriveva come la sua idea di felicità.

Eleanor sfidò il mondo per verificare ciò che aveva imparato da Marx e Engels nel focolare domestico. Tussy e il Capitale sono cresciuti insieme; suo padre scrisse il primo volume nel corso del primo decennio della sua vita. Ha trascorso la sua vita adulta editando questo capolavoro che ha cambiato il mondo e altri dei suoi manoscritti seminali. Se Marx ed Engels erano la teoria, Eleanor era la pratica. La sua ricerca per “Andare avanti!”, per  viverla, presto la portò in nuovi mondi, tra cui i circoli artistici della prima Bloomsbury bohemien. Fece da pioniera dell’ibsenismo in Gran Bretagna, fu la prima a tradurre Madame Bovary di Flaubert  in inglese e fu la prima biografa di suo padre. Le biografie successive di Marx e di Engels attinsero dal suo lavoro.

Eleanor conobbe una Gran Bretagna che non era ancora una democrazia elettorale. Gli uomini della classe operaia, tutte le donne e i poveri erano privi dei diritti civili e politici. Eric Hobsbawm ha osservato che negli anni ‘60 e ‘70 dell’Ottocento i socialisti autoctoni potevano  comodamente stare tutti in una sala piuttosto piccola. Lei li portò sulle strade e sulla scena politica. Fu uno dei primi e più importanti leader del nuovo sindacalismo, portando il femminismo nel cuore del movimento. E “la nostra vecchia fuochista” e “nostra madre”, come fu soprannominata dai lavoratori, fu il più richiesto oratore popolare della Gran Bretagna .

Eleanor diceva spesso, “Ho ereditato il naso di mio padre … e non il suo genio.” Gli amici non erano d’accordo. Lei certamente ereditò il suo genio. La sua disgrazia è stato il suo sesso non il naso. Nata nella Gran Bretagna vittoriana, non ebbe il diritto all’istruzione, le fu impedito l’accesso all’università, al voto e al parlamento, alla maggior parte delle professioni e al controllo del proprio corpo.

Fondamentalmente, Eleanor fu la madre del femminismo socialista. La riforma del suffragio per le donne della borghesia nella società capitalista esistente non riusciva a affrontare “il dibattito sull’atteggiamento della socialdemocrazia verso le donne che lavorano”. Invece, lei “propose di affrontare la questione sessuale dal punto di vista della classe operaia e della lotta di classe”. La sua filosofia del femminismo-socialista è stata riassunta in “La Questione della Donna: da un punto di vista socialista”. Comprendere il ruolo dell’economia nella società umana era essenziale per la felicità umana.. Lei aveva scoperto che per le donne l’elemento più importante era il lavoro.

Nel 1889 Eleanor Marx e Will Thorne lanciarono la National Union of Gas Workers and General Labourers of Great Britain and Ireland chiedendo di ridurre la giornata lavorativa da 12 a 8 ore, stabilire tariffe doppie per gli straordinari domenicali e coinvolgere le donne in tutti gli aspetti dell’adesione e della leadership  sindacale. Thorne, che divenne il primo segretario generale del TUC, osservò, “Strano a dirsi, gli storici difficilmente notarono la rivoluzione abbiamo realizzato”. Quest’anno la GMB – diretta discendente dei Gasworkers di Eleanor – festeggia il suo 125 ° anniversario. Nel mese di dicembre, sto andando a inaugurare il suo nuovo quartier generale: la “Eleanor Marx House”. Gli iscritti alla GMB attuale sono 631.000. Confrontateli che con i 388.000 iscritti complessivi dei partiti conservatore, laburista, Lib Dem e Verdi nel mese di settembre 2014, e i 114.000 dei partiti nazionalisti. L’eredità di changemaking di Eleanor è ancora attiva nella vita di milioni di  lavoratori britannici. La brillante e temibile Frances O’Grady è la prima donna Segretario Generale della TUC; unattestato a Eleanor che tuttavia sarebbe costernata per il fatto che ci sia voluto così tanto tempo.

Involontariamente, durante il lungo viaggio dello scrivere la sua storia, mi sono ritrovata a vivere in terreni sempre più familiari. La crisi finanziaria ha indotto a una rinnovata analisi della struttura del capitalismo; nuovi movimenti per la democrazia sociale, in particolare in Medio Oriente, pongono domande su rivoluzioni democratiche; la cosiddetta guerra al terrore ha provocato la rivalutazione dei valori dell’internazionalismo e dei diritti umani universali; e la nuova rivoluzione tecnologica nei media e la globalizzazione hanno gonfiato la marea della quarta ondata del femminismo.

Molte delle libertà e dei benefici della moderna democrazia britannica sono un risultato diretto del lavoro di Eleanor Marx e di uomini e donne come lei. La giornata di otto ore. La messa al bando del lavoro minorile. L’accesso alla parità di istruzione. La libertà di espressione. I sindacati. Il suffragio universale. La rappresentanza parlamentare selezionata democraticamente, a prescindere da classe, religione, sesso o etnia. Il femminismo. Vivere con Eleanor per un po’ significa avere l’opportunità di ricordare come siamo arrivati qui, da dove vengono le libertà di cui godiamo. E a quale prezzo le lasciamo andare.

RACHEL HOLMES

articolo originale: http://www.newstatesman.com/culture/2014/11/how-eleanor-marx-changed-world

fonte: Sandwich di realtà

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*