“Dobbiamo costruire insieme la soluzione comune”

“Dobbiamo costruire insieme la soluzione comune”

20131219_maite_molaLa II Conferenza del Mediterraneo della Sinistra ha riunito oggi a Istanbul oltre 20 partiti politici.

Oggi, venerdì 20 febbraio, la seconda Conferenza del Mediterraneo, organizzata dal Partito della Sinistra Europea (EL), insieme ad altri cinque partiti del sud del Mediterraneo, è cominciata a Istanbul riunendo più di venti partiti politici della sinistra dei paesi delimitati da questo grande mare. Lo scopo di questa conferenza, come ha fatto notare la vicepresidente della Sinistra Europea, Maite Mola, è non solo di analizzare e discutere la situazione che la regione e i vari paesi stanno vivendo, ma anche per arrivare domenica a una dichiarazione contenente gli obiettivi specifici da raggiungere.

Il vice-presidente della SInistra Europea ha sostenuto che “il socialismo non può essere costruito in un solo paese, né su un solo lato del Mediterraneo. Per noi, anticapitalista e internazionalista sinistra, non ci sono confini”. Ha sottolineato che il punto è “costruire insieme la soluzione comune”. Mola ha aggiunto che non ci sono momenti di poesia per la sinistra “, ma momenti per lavorare e per combattere” ed è per questo, oltre agli studi politici ed economici, “una lotta per le strade che ci porta all’unità della di sinistra “è cruciale. Lei ha ricordato anche la parole di Samir Amin che invoca “audacia, audacia e audacia”.

In questo lavoro verso l’unità, ha annunciato il prossimo Forum delle Alternative, che la SInistra Europea organizza a Parigi per l’ultimo fine settimana di maggio, e lo spazio per il dibattito e la convergenza che l’Università estiva della Sinistra Europea rappresenta.

Maite Mola messo in guardia dal pericolo di concentrarsi solo sulla crisi e mettere da parte gli altri problemi che la sinistra non dovrebbe mai abbandonare. Ha ricordato l’oppressione subita da Cipro e la Palestina, e anche la repressione a cui le donne sono sottoposte. Ha evidenziato la situazione del Sahara occidentale e la resistenza del Polisario durante quattro decenni, tenendo presente il riconoscimento delle Nazioni Unite del loro diritto all’autodeterminazione e la relativa mancanza di attuazione da parte della comunità internazionale.

La vittoria di Syriza, e con essa la vittoria di tutto il popolo greco, in piedi contro le misure di austerità imposte dalla Troika, è stato un tema trasversale nei vari interventi. “Syriza è anche una vittoria per il Mediterraneo, o addirittura una vittoria internazionale in cui un governo di sinistra è in grado di negoziare con le istituzioni neoliberiste europee la soluzione dei problemi economici e sociali del popolo”. Ancora una volta Maite Mola ha auspicato un sostegno internazionale: “Abbiamo il dovere di scendere in piazza per difenderla”.

Durante la presentazione della Conferenza, Bilge Seçkin Çetinkaya, co-presidente dell’ODP turco (Libertà e Solidarietà partito, membro del Sinistra Europea), ha parlato degli attacchi imperialisti comuni nella regione e la speranza che la vittoria di Syriza rappresenta di fronte a questi attacchi, insieme a quelli del fascismo e del fondamentalismo che avanzano. Ha riconosciuto che il trionfo di Syriza ha unito movimenti sociali con il partito politico e che questo è la strada per il successo.

Ridvan Turan, presidente del SDP (Partito della democrazia socialista), ha effettuato un’analisi generale sulla crisi e al modo in cui ha portato a rivolte e alla primavera araba, che cominciarono in Tunisia e si sono diffuse come un’onda. Egli non ha dimenticato le contro-rivoluzioni e gli esiti negativi, ma anche i frutti positivi, come le recenti vittorie di Syriza e del Rojava. Fin dall’inizio il Presidente SDP ha chiarito la necessità di lavorare insieme: “Abbiamo bisogno di dare una risposta globale, perché l’attacco è davvero globale”.

Turan ha spiegato, come ha fatto Seçkin, che il governo turco è intimidito, che i suoi timori non sono infondati, e per questosta inasprendo la repressione. “L’Akp (il partito conservatore al governo) e Erdogan stanno spingendo in avanti le politiche autoritarie con enormi attacchi alla lotta di classe, soprattutto quando i sindacati toccano gli interessi del capitale”.

Da parte sua, Selahattin Demirtas il vice e co-presidente del HDP (Partito Democratico del Popolo) ha messo in relazione la storia delle lotte in Turchia con quelle di altri paesi europei. Concentrandosi sulla Turchia, ha esortato ad unire tutte le lotte con l’obiettivo di creare un grande fronte contro l’ AKP alle elezioni di giugno come un’occasioneà per cambiare la realtà del paese. Egli ha anche esaminato il significato della rivoluzione del Rojava collegandola alla necessità di lavorare insieme nella solidarietà, grazie a diversi spazi di convergenza tra cui questa Conferenza del Mediterraneo e il Forum sociale mondiale.

 fonte: European Left

The Party of the European Left (EL) is a political party at the European level which was formed in 2004. The EL is composed of 26 members parties and 7 observer parties.
“We refer to the values and traditions of socialism, communism and the labour movement, of feminism, the feminist movement and gender equality, of the environmental movements and sustainable development, of peace and international solidarity, of human rights, humanism and antifascism, of progressive and liberal thinking, both nationally and internationally”
Manifesto of the Party of the European Left, 2004

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*