Antirazzismo: istruzioni per l’uso [parte prima]

Antirazzismo: istruzioni per l’uso [parte prima]

602-0-20111217_195326_9B45406FAscoltando i talk show, seguendo la rete ed alcuni eventi che hanno portato numerose persone nelle piazze italiane, è facile notare come ricomincino a circolare messaggi di carattere xenofobo e platealmente razzista che rischiano di divenire verità inconfutabili nella pubblica opinione. Quanto segue è il tentativo di segnalare alcune bugie plateali che andrebbero smentite laddove se ne sente parlare, nei luoghi di socializzazione, negli ambienti in cui sovente qualcuno, più o meno in buona fede, veicola quello che è un vero e proprio virus.

E partiamo proprio dal virus, o meglio dall’idea che chi arriva in questo periodo, soprattutto sulle coste italiane, in fuga dalla guerra, sia portatori di malattie letali e di pandemie vere e proprie come l’ebola ma anche di più diffuse patologie trasmissibili. Smentendo i Grilli di turno va detto che ogni persona che arriva è da sempre sottoposta ad attenta visita medica. Ad affermarlo è l’Organizzazione Mondiale per la Sanità a praticarlo sono organizzazioni umanitarie internazionali come Croce Rossa, Medici Senza Frontiere ed altre presenti nei luoghi di sbarco col proprio personale. Scarsi finora i rilevamenti di malattie veicolabili come la Tbc, più facili le infezioni cutanee, facilmente curabili e che difficilmente si trasmettono fuori dai centri di accoglienza. Inesistente la minaccia ebola. Finora le uniche persone giunte nel mondo occidentale che hanno contratto tale morbo erano operatori sanitari giunti per via aerea e per essere curati. Chi ha contratto tale virus, rapidissimo nei tempi di incubazione, non ha neanche il tempo e l’energia per mettersi in viaggio in percorsi che durano mesi e mesi. Si aggiunga che nei 3 Paesi dell’Africa Occidentale in cui si sta sviluppando l’epidemia le frontiere sono chiuse e non è possibile salire su un aeroplano, anche se in possesso del visto, se prima non si sono effettuati esami che dimostrino l’assenza di patologie. Anche in assenza di malattia conclamata, una semplice alterazione della temperatura porta a impedire la partenza. Quindi meno paure da diffondere e più investimenti per curare laddove pur non esistendo un vaccino certamente efficace è possibile guarire se si interviene tempestivamente. Msf che opera in questi paesi è riuscita, con il proprio intervento a far crollare la percentuale dei decessi dall’80% al 50% e si conta di poter migliorare ancora i risultati.

Una fandonia colossale è quella secondo cui ai “clandestini” verrebbero erogati dai 900 ai 1200 euro al mese, sottratti al bilancio dello Stato, per non fare nulla in un eterno assistenzialismo. Qui si tratta di una sommatoria di bugie: a) nei centri di accoglienza non vanno “clandestini” ma richiedenti asilo che attendono l’esito di una risposta da parte delle commissioni preposte. L’80% e più delle persone che sbarcano arrivano da Paesi in cui si sta combattendo quella che anche il Vaticano ha definito Terza Guerra Mondiale, dalla Siria all’Eritrea, dall’Iraq alla Somalia. Vada Salvini ad aiutare “a casa loro” queste popolazioni in fuga ma si consiglia l’elmetto. b) i 35 euro di costo cadauno giornaliero per ogni persona accolta vengono erogati agli enti gestori di ogni singolo centro che debbono provvedere al nutrimento, all’accoglienza, all’assistenza sanitaria e legale, agli interventi di mediazione culturale. Alle persone accolte nei centri arrivano, non sempre 2,50 euro al giorno, per le spese di necessità. In molti centri questo cosiddetto pocket money è distribuito in modo da poterne usufruire solo all’interno dei centri stessi. Che ci sia un vasto sistema di speculazioni in questa modalità di gestione emergenziale di un fenomeno oramai strutturale, è cosa certa. Che ne beneficino i profughi, spesso costretti in condizioni inaccettabili per qualsiasi essere umano è totalmente menzognero, tanto è che non appena possibile, chi è così caldamente accudito in simili strutture, spesso provvisorie, sovente in disfacimento, con personale non formato per tali compiti, fugge di gran lena verso gli altri Paesi europei. c) gran parte dei fondi impegnati per tale accoglienza provengono dalla tanto vituperata Comunità Europea. E lì c’è un altro dato interessante: l’Italia risulta essere il primo Paese per somme elargite dalla Comunità (470 milioni nel 2013) e l’ottavo per il numero di persone accolte effettivamente. Qualcosa non funziona tanto che sono giunte puntualmente minacce per ridurre le risorse che giungono all’Italia evidentemente mal utilizzate. d) A chi poi afferma che le operazioni di soccorso in mare sono servite ad aumentare il numero di profughi in Italia andrebbe fatto presente che tali misure, come Mare Nostrum, peraltro insufficienti rispetto all’urgenza di alcune popolazioni, hanno esclusivamente diminuito il numero dei morti in mare. Chi fugge da alcuni contesti, in una fase come quella che è in atto, non parte perché certo di arrivare ma solo perché coltiva la remota speranza di farcela, con ogni mezzo.

Altra grande e fantastica trovata è la moltiplicazione dei “clandestini”, la sindrome da invasione tanto propugnata agitando, senza neanche aver letto i dati, alcune pubblicazioni ministeriali. Le persone “irregolarmente presenti” sono cresciute dell’800% come si afferma in nome del fatto che “oramai non c’è controllo”. Sarebbe facile fermarsi al fatto che la legge ancora in vigore in materia è nota come Bossi-Fini, non proprio fautori della libera circolazione ma la realtà è ancora totalmente rimossa. Intanto specifichiamo che, dei circa 135 mila profughi giunti in Italia, solo il 30% è rimasto nel Bel Paese, che evidentemente così gradevole non risulta. Gran parte dei cosiddetti “clandestini” presenti in massa sono o le persone che hanno chiesto asilo ma che attendono ancora i tempi dell’esame della loro domanda, quelli che non vogliono fare simile richiesta in questo Paese avaro, o le persone che, avendo perso il lavoro, stanno perdendo anche il diritto a restare in Italia. Per i primi si tratta di intervenire con urgenza. Il governo recentemente ha raddoppiato il numero delle commissioni territoriali incaricate ma il lavoro arretrato resta molto. Si può ancora restare sbattuti da un centro all’altro per oltre un anno senza conoscere se e a quale tipo di protezione si ha diritto. Per i secondi il problema si chiama “Regolamento Dublino”, un trattato che funziona a mo di gabbia e che non permette ai profughi di scegliere il Paese in cui chiedere asilo ma li obbliga a fermarsi nel primo dell’Area Schengen in cui si è approdati. Chi batte i pugni sul tavolo quando va in tv evidentemente non è in grado di far valere le proprie ragioni in sede europea superando gli egoismi nazionali, le 130 mila persone sbarcate fino ad oggi, in un continente abitato da 500 milioni di persone, non costituiscono un ostacolo all’inclusione. Non lo sarebbero neanche in Italia se la questione degli arrivi dal Mediterraneo non continuasse ad essere affrontata come emergenza imprevista ma come frutto di mutamenti geopolitici di cui il governo è corresponsabile e su cui ci sono stati i tempi per attrezzarsi. Da ultimo la crisi occupazionale investe anche i cittadini migranti stabilmente presenti in Italia da anni. Con il particolare problema che, se per un anno non si trova un contratto regolare si perde il diritto a permanere in questo Paese. In tanti stanno già facendo da tempo le valigie, come fanno gli autoctoni, non solo i giovani, molti tornano anche con maggiori speranze nel proprio paese di origine o utilizzano le competenze acquisite in Italia in altri contesti. Il problema è che le leggi vigenti “producono stranieri”. Si arriva in Italia, lo Stato spesso spende anche in formazione anche professionale ma poi non riconosce eguali diritti, al massimo una carta di soggiorno dopo 5 anni di permanenza regolare e senza aver mai perso lavoro, irraggiungibile la cittadinanza (che forse con l’intervento del governo potrà sanare una parte dei nati in Italia e residenti) mentre invece è tollerato se non incoraggiato il lavoro nero che non offre alcuna garanzia per chi lavora. La crisi è anche questo, accentuarsi di povertà che inevitabilmente portano molte persone in circuiti di marginalità.

Poi c’è il refrain secondo cui “gli immigrati sono troppi, costano e non ce li possiamo più permettere”. Secondo i dati Istat, il rapporto fra spesa e introiti, derivanti da tasse, consumi e mobilità economica, fa sì che in periodo di crisi la presenza migrante abbia garantito, per il 2013, un “saldo positivo” sulla bilancia dei pagamenti di circa 1 mld e 500 milioni di euro. Una cifra senza la quale il crollo del Pil nostrano assumerebbe caratteristiche ancor più catastrofiche. L’invecchiamento della popolazione italiana fa inoltre si che una parte consistente dei trattamenti pensionistici erogati a cittadini autoctoni, grillini o padani che siano, sussistono anche grazie alla presenza di lavoratori e lavoratrici migranti che difficilmente riusciranno ad andare in pensione recuperando i contributi versati. Con molti Paesi non esiste infatti accordo di reversibilità o di esportabilità della pensione né di cumulo con quella che si maturerebbe nel proprio paese di origine. Insomma trattasi di contributi regalati agli italiani, quelli che, secondo l’autorevole nostro ministro dell’Interno, debbono sempre venire prima. Laddove l’accordo fra paesi esiste vale la riforma Fornero, quella che allieta anche le nostre pregiate vite, quindi è ben lontano il tempo in cui potranno usufruirne. C’è poi concorrenzialità sul piano occupazionale con i lavoratori e le lavoratrici stranieri? Si certamente, anche se bisognerebbe adeguare, anche qui, la definizione. C’è un mercato del lavoro al ribasso di cui sono responsabili tutte le innumerevoli riforme a cui questo è stato sottoposto negli anni, al precariato galoppante (altro che flessibilità) alle mille forme di deroga al contratto nazionale. Ma, se invece di colpire chi è costretto a lavorare con minori tutele e salari più bassi, pena il rischio di divenire irregolari (clandestini) si andasse a colpire chi lucra illegalmente su tale condizione, forse le cose cambierebbero. Così come cambierebbero, in meglio e anche per gli autoctoni, le modalità di vita e di lavoro di chi è costretto nel sommerso. Ma, nonostante leggi formulate e mai applicate integralmente, chi è al nero si deve ancora nascondere. In caso di controlli da parte degli insufficienti ispettorati del lavoro, a rischiare è il lavoratore o la lavoratrice. Il padrone (è improprio parlare di datore di lavoro) è colpito solo in caso di “grave sfruttamento” o “riduzione in schiavitù”, quanto è grave lo sfruttamento e quanto è reale la schiavitù lo stabilirà un giorno un giudice, nel frattempo espulsioni per chi è stato sfruttato e non è in regola, nessun problema per chi commette simili odiosi reati.

Continua con la seconda puntata…

STEFANO GALIENI

redazionale

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*