Il Comunismo è da archiviare?

Il Comunismo è da archiviare?

Fausto Bertinotti, già segretario di Rifondazione Comunista dal 1994 a 2006, è intervenuto in questi giorni sul tema del “fallimento del comunismo” al convegno “I vinti giusti: un certo sguardo sul futuro” tenutosi a Tosi.
Vi proponiamo di seguito: la registrazione effettuata da Radio Radicale, l’intervista rilasciata dal segretario nazionale di Rifondazione Comunista Paolo Ferrero al quotidiano online Intelligo news e l’intervista audio rilasciata a Radio Radicale sempre dal segretario nazionale del PRC.


INTERVISTA A FAUSTO BERTINOTTI

da Radio Radicale.it


INTERVISTA DI INTELLIGO NEWS A PAOLO FERRERO

Paolo_ferreroIl segretario del Prc, Paolo Ferrero, con una certa amarezza che gli vela la voce, accetta di parlare di quella che da tutti viene definita la svolta dell’ex leader di Rifondazione Comunista – pentito-  Fausto Bertinotti. Non è tanto una critica, ma più un confronto tra chi (come Paolo) ha molto apprezzato il morire comunista di Berlinguer, il suo esempio, e chi (come Fausto) ha deciso “di buttare il bambino con i panni sporchi” e apre ad altre idee. Il pensiero liberale? Per Ferrero significa “tornare indietro”. Quanto allo stalinismo “non racchiude certo il comunismo”.

Ferrero, come commenta la svolta di Fausto Bertinotti, il fondatore di Rifondazione Comunista, che oggi critica il comunismo ed elogia il papa e il liberalismo.
“Ho visto quello che la rete ha pubblicato e faccio due premesse: non ho ascoltato tutte le parole dell’intervista a Fausto e… lui dice tante cose, alcune condivisibili altre no, ma io mi soffermerò sul punto fondamentale della vicenda: l’idea che si esca dalla sconfitta del comunismo dando centralità al pensiero liberale”.

Uno sbaglio dunque quello di Fausto…
“Aspetti però, arrivo al punto e mi spiego. Se la tesi centrale è che dalla sconfitta se ne esce con il pensiero liberale io non sono per nulla d’accordo. E il motivo è questo. Da un lato lui fa un torto alla storia del movimento comunista che è fatto di tante cose, c’erano i gulag e negli stessi anni il fronte popolare in Francia conquistava le ferie per i lavoratori. Parlare degli anni bui dello stalinismo come se fossero la totalità del comunismo è un errore analitico oltre che politico. Lo stesso errore Fausto lo fa con il pensiero liberale. Caricare tutto ciò che c’è di negativo da una parte e il positivo tutto da un’altra è sbagliato e falso. E poi lui descrive lo stalinismo e non il complesso del movimento comunista, tanto che sovente la repressione del dissenso è avvenuta a carico di altri comunisti. Quindi non tutti i comunisti la pensano allo stesso modo. Quello che lui chiama il comunismo è lo stalinismo, ma non è certo il comunismo per intero, non so se mi spiego”.

E Marx che direbbe?
“Anche qui si allude ad una sintesi che non mi trova d’accordo. Marx si è occupato dell’uguaglianza, il liberalismo della libertà dell’individuo e il pensiero cattolico della solidarietà. Non la penso così. Per me al centro del pensiero di Marx c’è l’idea della libertà e penso che il cuore del marxismo e del comunismo è quello di rendere liberi gli uomini e le donne. A partire dalla centralità del tema della libertà  Marx si pone l’obiettivo di superare la condizione di schiavitù economica e di necessità che è propria del modo di produzione capitalistico. Marx vuole che l’uomo e la donna si sviluppino liberamente perché non più sottoposti al dominio del bisogno e della necessità. Questo è il motivo per cui sono comunista. L’uguaglianza è una precondizione della libertà, insomma”.

Ma la sconfitta del comunismo c’è stata…
“Certo, c’è stata come è ovvio. L’uscita da questa sconfitta passa per la capacità di superare gli errori valorizzando gli elementi positivi. E’ sbagliato gettare il bambino con l’acqua sporca e tornare al pensiero liberale, per me si tratta di una regressione: il pensiero comunista va oltre il pensiero liberale come dimostra Marx ma anche il subcomandante Marcos per non fare che un esempio”.

E l’ulteriore passaggio del suo ex leader dall’ultra sinistra atea all’apprezzamento al cristianesimo l’ha stupita?
“Si mischiano troppe cose. Io non ho nulla contro il cristianesimo, sono un credente, valdese. Per me le categorie della contrapposizione tra l’essere marxista e la fede non sono il punto. Il probblema è che Fausto è passato dal ragionare su come fare una rifondazione del comunismo, e superare alcuni errori, a buttare tutto. E’ lo stesso percorso che aveva fatto Occhetto negli anni ’90. Io spunti positivi in mille altre tradizioni culturali ho sempre pensato che ci fossero. Se il Papa dice delle cose contro l’ingiustizia, bisogna dialogare con il Papa. La cosa che non condivido per nulla è la sostituzione: prima c’era il comunismo come palingenesi e adesso si cerca da una altra parte. Questo non mi convince e mi pare più un cedimento al “secolo presente” che non una effettiva innovazione nella ricerca”.

Estremizzando alcuni concetti, c’è chi dice che liberalismo e comunismo hanno poi in comune il primato dell’economia e l’egemonia di classe e non viene colto da stupore per le parole di Bertinotti. E poi c’è il soggettivismo introdotto nel ’68. A questi cosa risponde?
“Non hanno capito cosa è il comunismo, che vuole rovesciare questi rapporti economici al fine di permettere la libertà delle persone. Noi ci battiamo contro la precarietà, vogliamo far pagare i ricchi,  ridurre l’orario di lavoro e sconfiggere le politiche neoliberiste perchè le attuali scelte economiche e sociali sono distruttive dell’umanità delle persone. Penso ai ragazzi di oggi: lo sviluppo della tecnologia invece che essere utilizzato per ridurre a tutti l’orario di lavoro, viene utilizzato per creare milioni di disoccupati e di precari, producendo una sofferenza enorme quanto gratuita. sta producendo la precarizzazione. Mia figlia ogni settimana cerca cosa farà il mese dopo. Il profitto di pochi peggiora la vita a milioni di persone. Noi ci preoccupiamo delle condizioni economiche perché abolire l’ingiustizia sociale è la condizione per permettere la libertà di ogniuna ed ogniuno. Viceversa i liberali fanno finta che la libertà possa essere conquistata senza mettere in discussione lo sfruttamento e le diseguaglianze e questa è una mistificazione enorme”.

Quale pensiero invia a Fausto, lo invita a ripensarci o augura il meglio perché ormai le strade sono divise?
“Ascoltandolo ho ripensato a un’intervista a Berlinguer, era una Tribuna Politica, dove lui diceva di non essere stato un rivoluzionario da giovane, liberale man mano e poi altro ancora. No, diceva: “Sono rimasto comunista tutta la vita e considero l’aver mantenuto gli ideali di gioventù una fortuna, una cosa molto positiva.” Io condivido il pensiero di Berlinguer e mi dispiace che in Italia in questo ultimo ventennio le persone che col passare degli anni sono “diventate liberali” sono diventate tante. Io sono affezionato a quell’immagine di Berlinguer, dell’intelligenza che aiuta a sviluppare meglio le passioni di gioventù”.

MARTA MORICONI

da Intelligonews.it


INTERVISTA DI RADIO RADICALE A PAOLO FERRERO

da Radio Radicale.it

Un commento

  1. Gianni Sartori

    Magari, lo dico fraternamente senza intenti provocatori, si potrebbe ripartire da alcune esperienze storiche che, bene o male provarono a conciliare “giustizia e libertà”: penso all’esperienza anarcosindacalista nel 1936- 37 in Catalunya, prima dei fatti di Barcellona (maggio 1937) e in Aragona prima della distruzione manu militari delle collettivizzazioni (agosto 1937) da parte degli stalinisti; ma penso anche a Kronstadt e all’esperienza maknovista (fino al 1921). A mio avviso esprimevano una continuità con l’esperienza della Comune del 1871…In ogni caso la ricomposizione di un ampio movimento anticapitalista passa anche dalla rilettura di questi eventi come avevano compreso (oltre a situazionisti, consiliari e,ca va sans dire, anarchici) anche zapatisti e parte degli autonomi (magari non in Italia, ma in Germania, Spagna e Paesi baschi). Del resto non è quello che sta avvenendo in alcune regioni curde?
    Ciao e buon lavoro
    GS

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*