F-35. SONO TUTTI COINVOLTI!

F-35. SONO TUTTI COINVOLTI!

di Flavio Lotti

“F35 decisi da D’Alema e confermati da Berlusconi.” La verità di Mario Monti sui cacciabombardieri F35 è una mezza verità. La verità è che sono tutti coinvolti: PD, PDL, Lega, Monti. Ecco perchè:

1. in Italia si è iniziato a parlare di F35 nel 1996 con il Ministro della Difesa Beniamino Andreatta (Governo Prodi I);

2. il 23.12.1998 (Governo D’Alema) è stato firmato il Memorandum of Agreement per la fase concettuale-dimostrativa con un investimento di 10 milioni di dollari;

3. il 24.06.2002 (Governo Berlusconi II) è stata confermata la partecipazione alla fase di sviluppo con un impegno di spesa di 1.028 milioni di dollari;

4. nel 2007 (Governo Prodi II) è stato autorizzato uno stanziamento di 904 milioni di dollari;

5. l’8 aprile 2009 (Governo Berlusconi IV) il Parlamento autorizza l’acquisto di 131 cacciabombardieri F35 al costo di 12,9 miliardi di euro, spalmati fino al 2026.

6. nel 2012 (Governo Monti) il Ministro tecnico della Difesa, Ammiraglio Giampaolo di Paola ha firmato l’ordine di acquisto di tre F-35 impegnando 270 milioni di euro nonostante il Parlamento avesse chiesto il 28 marzo di “rinviare qualunque decisione relativa all’assunzione di impegni per nuove acquisizioni nel settore dei sistemi d’arma, sino al termine del processo di ridefinizione degli assetti organici, operativi e organizzativi dello strumento militare italiano.”

Questo pomeriggio Massimo D’Alema, con una nota, cerca di difendersi dicendo che lui aveva autorizzato la partecipazione dell’Italia ad un programma per la costruzione di un cacciabombardiere low cost. Visto che quell’aereo “Low Cost” è diventato il più costoso della storia, propongo a Massimo D’Alema di firmare l’appello della campagna “Tagliamo le ali alle armi”e di chiedere a Bersani di cancellare l’intero programma.

La storia degli F35 continua questa sera, domenica 3 febbraio alle ore 21.30 a Presadiretta su RAI 3.

FLAVIO LOTTI

www.rifondazione.it

febbraio 2013

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*