Attentato a Brindisi. “La mafia ha più paura della scuola che della giustizia”

Attentato a Brindisi. “La mafia ha più paura della scuola che della giustizia”

Comunicato stampa 

Tre bombe hanno ucciso questa mattina davanti ad un Istituto professionale di Brindisi una ragazza di 16 anni e ne hanno ferite altre sette. Forse è presto per affermare con certezza i nomi dei responsabili. Ma certo non aspetteremo le sentenze della Cassazione per esprimere la nostra indignazione e per dire che la Storia di questo nostro Paese la conosciamo fin troppo bene. Il giudice Caponnetto diceva che “la mafia ha più paura della scuola che della giustizia”. Le tante stragi impunite ci raccontano poi la storia del dolore degli innocenti, gli intrecci mortiferi tra apparati dello Stato, poteri forti, criminalità organizzata.
Chi ha messo quelle bombe voleva uccidere. Ha ucciso Melissa ma voleva uccidere tutti noi. La cultura, il conflitto, l’alternativa di un mondo più giusto.
Noi reagiremo, resisteremo, moltiplicheremo la nostra lotta dentro ogni scuola, ogni istituto, dove sta la nostra gente. Con infinita rabbia, ma senza paura, con lucidità e determinazione.

SIMONE OGGIONNI
Portavoce nazionale GC

19 maggio 2012

Un commento

  1. Attentato terroristico mafioso a Brindisi:
    bruciano le prove, scompaiono i complici.
    http://www.ilcittadinox.com/blog/attentato-mafioso-a-brindisi-bruciano-le-prove-scompaiono-i-complici.html
    Gustavo Gesualdo
    alias
    Il Cittadino X

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*