Cosa non si fa per raccattare qualche voto…

Cosa non si fa per raccattare qualche voto…

di Massimiliano Mazzola, Anna Belligero, Simone Oggionni

Il 9 maggio è la giornata di Peppino Impastato e tale dovrebbe rimanere. Invece ogni anno siamo costretti a vivere questa festa a metà. C’è sempre qualcuno pronto a montare sterili polemiche. Al corteo per Peppino, Leoluca Orlando, candidato sostenuto da IDV, dalla Sinistra e dagli Ecologisti a Sindaco di Palermo, al suo arrivo ha ricevuto cori di approvazione e di sostegno. Non ha ricevuto lo stesso benvenuto Fabrizio Ferrandelli, sostenuto invece dal PD e da SEL. Giovani militanti di Sinistra, al suo arrivo, hanno urlato al PD di abbandonare il corteo, come avvenuto a Portella il Primo Maggio. La replica degli amici di Ferrandelli è stata patetica. Abbiamo sentito addirittura dire che Peppino è stato ucciso una seconda volta da questi ragazzi.
A loro rispondiamo, con molta fermezza, che è la mafia che uccide, non giovani così impegnati nel sociale, disinteressati e onesti. Ragazzi
che lavorano, studiano e rinunciano al loro tempo libero per fare politica per la comunità, per lottare, per costruire un mondo diverso e migliore, per lottare socialmente contro la mafia ogni giorno. Questi ragazzi vanno ringraziati e non umiliati o accusati. Peppino la penserebbe in questo modo, ne siamo certi.

MASSIMILIANO MAZZOLA
Co-Presidente Nazionale dei Giovani Verdi Italiani

ANNA BELLIGERO
SIMONE OGGIONNI
portavoci nazionale dei Giovani Comunisti

12 maggio 2012

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*