Con i giovani del Maghreb, contro il neoliberismo

Le rivolte esplose in quasi tutte le città della Tunisia e dell’Algeria e prima anche del Marocco nascono dalle stesse motivazioni che hanno provocato le lotte dei giovani a Londra come in Italia, in Francia e altrove. Le conseguenze delle scelte liberiste sono dappertutto le stesse: accentuazione dell’asimmetria di potere e della distanza fra ricchezza e povertà, corruzione e protervia di poteri reazionari se non di tipo apertamente mafioso, erosione dei diritti fondamentali, negazione del futuro della società e quindi in primo luogo dei giovani.

Puntando all’arricchimento immediato di pochi — da Cameron a Sarkozy, da Berlusconi a Ben Ali, da Bouteflika alla cerchia di potere del re del Marocco – il liberismo favorisce soltanto gli affari privati dei più forti e distrugge i servizi pubblici e quindi ogni prospettiva vivibile. I regimi tunisino e algerino stanno minacciando il bagno di sangue approfittando dell’appoggio dei governi francese e italiano e di altri Paesi europei. In Algeria e in Tunisia la polizia e l’esercito sparano persino sulle persone andate ai funerali degli assassinati. La gravità della situazione è rilevata dalla stessa Ue, costretta a chiedere il cessate il fuoco dopo le decine di morti e le varie centinaia di feriti. Il rischio concreto di un bagno di sangue è alto.

Per parte nostra ci impegniamo a sostenere queste lotte, come quelle per la difesa dei diritti fondamentali dei lavoratori, con ogni sorta di iniziative nei luoghi di lavoro, nelle scuole, nelle università e nei quartieri, e organizzando anche un effettivo sostegno ai militanti maghrebini che rischiano la feroce persecuzione anche con metodi mafiosi.

Che in tutte le università e le fabbriche europee ci si mobiliti a fianco delle rivolte.

Antonino Anastasi, Mauro Armanino, Marco Bersani, Alberto Burgio, Alessandro Dal Lago, Maurizio Del Bufalo, Gianni Ferrara, Gianluca Gabrielli, Alberto Giasanti, Chiara Labate, Maria Rosaria Marella, Maria Grazia Meriggi, Roberto Moscati, Giuseppe Mosconi, Salvatore Palidda, Valentino Parlato, Nico Perrone, Antonello Petrillo, Adriano Prosperi, Annamaria Rivera, Emilio Santoro, Ciro Tarantino, Danilo Zolo

Prime adesioni

Marco Albeltaro, Vito Alò, Angelica Bertellini, Marie-Ange Bissessur, Paola Bonora, Andrea Brazzoduro, Silvio Cellamare, Antonello Ciervo, Giulia Cibrario, Angela De Benedictis, Sandra De Santis, Lella Di Marco, Roberto Di Marco, Alfonso Di Stefano, Giuseppe Fecondo, Fausta Ferruzza, Guido Liguori, Niva Lorenzini, Marcello Maneri, Luca Manunza, Antonio Mazzeo, Luca Nivarra, Simone Oggionni, Federico Oliveri, Roberto Passini, Caterina Pastura, Vincenza Perilli, Armando Petrini, Daniela Rocca, Antonella Selva, Marco Sferini, Tommaso Starace, Bruno Steri

Per aderire: rivoltenelmaghreb@gmail.com

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*